Home » News » CHIUSE TUTTE LE DISCARICHE DI "TALQUALE" NEL LAZIO!!

CHIUSE TUTTE LE DISCARICHE DI "TALQUALE" NEL LAZIO!!

COMUNICATO DEL 10 FEBBRAIO 2014

L'EFFETTO VALANGA DELLA DIFFIDA-ESPOSTO DI ZERO WASTE LAZIO CONTINUA:

 

la chiusura il 1 febbraio della DISCARICA DI CUPINORO – BRACCIANO è stata seguita subito da quella del 4 febbraio della DISCARICA DELL’INVIOLATA - GUIDONIA MONTECELIO, che a sua volta ha registrato la chiusura il 7 febbraio della DISCARICA DI COLLE FAGIOLARA – COLLEFERRO e DA OGGI anche la CHIUSURA DELLA DISCARICA DI FOSSO CREPACUORE – CIVITAVECCHIA. 

 

http://www.romaregione.net/2014/02/10/rifiuti-di-tolfa-e-allumiere-a-viterbo/

 

Quattro discariche OGGI ILLEGALI su cinque che abbiamo denunciato al MINISTRO dell’Ambiente, al presidente della REGIONE LAZIO, ai presidenti delle PROVINCE DEL LAZIO, ai SINDACI nel cui territorio sono ubicate DA DECENNI DISCARICHE IN CUI SI SVERSAVANO ANCORA RIFIUTI NON TRATTATI.

 

ASPETTIAMO PERTANTO ANCORA IL RISULTATO DELLA CHIUSURA DELLA DISCARICA DI BORGO MONTELLO / LATINA, una discarica su cui stanno oltretutto venendo fuori vicende criminose importanti con aziende indagate per conferimento di rifiuti speciali pericolosi, come dall’inchiesta di Andrea Palladino scaricabile qui: http://bit.ly/1kYWqj5.

 

LO SCEMPIO AMBIENTALE ORA E’ FINITO, in forza della improrogabile attuazione della CIRCOLARE ATTUATIVA del 6 AGOSTO 2013 del MINISTRO DELL’AMBIENTE ANDREA ORLANDO emessa a seguito delle procedure di infrazione Europee, ed occorre urgentemente lanciare la PROSSIMA BATTAGLIA:

 

RICONVERTIRE TUTTO IL CICLO DI GESTIONE DEI RIFIUTI DEL LAZIO AL RECUPERO DI MATERIA !!!

 

A partire dalla gestione dei rifiuti di ROMA a quella di tutto il LAZIO, riteniamo che il rispetto dalla legge sia un primo apprezzabile risultato, che comporterà che TUTTI I RIFIUTI URBANI DEVONO ESSERE TRATTATI IN IMPIANTI DI PRE-SELEZIONE MECCANICA che separino la frazione secca dalla frazione UMIDA e che si provveda alla STABILIZZAZIONE/BIOESSICAZIONE AEROBICA del RIFIUTO PUTRESCIBILE.

 

Nel contempo chiediamo alla REGIONE LAZIO di aprire subito un TAVOLO TECNICO DI CONFRONTO per verificare insieme le MIGLIORI TECNOLOGIE ESISTENTI relativamente alla gestione della FRAZIONE SECCA, che oggi la parte più preziosa di CARTA e PLASTICA è destinata a produrre il C.D.R. (Combustibile Derivato Rifiuti) o C.S.S. (Combustibile Solido Secondario) ed inviati a combustione rispettivamente presso INCENERITORI o presso CEMENTIFICI / CENTRALI TERMO-ELETTRICHE.

 

Le MIGLIORI TECNOLOGIE ESISTENTI oggi in EUROPA sono quelle dedicate al RECUPERO DI MATERIA, in cui I MATERIALI SELEZIONATI senza alcuna combustione si possono selezionare e dividere carta e plastica dal rifiuto indifferenziato per inviarle a RICICLO INDUSTRIALE o per essere RIUTILIZZATE in impianti di estrusione per produrre MATERIALI EDILI / STRADALI.

 

RIUTILIZZARE MATERIALI SELEZIONATI ANCHE DAI RIFIUTI INDIFFERENZIATI E’ ENORMEMENTE PIU’ CONVENIENTE DAL PUNTO DI VISTA INDUSTRIALE ED AMBIENTALE DEL MISERO RECUPERO ENERGETICO PREVISTO, PARI AD UN QUARTO DI ENERGIA ELETTRICA CHE SI OTTIENE BRUCIANDOLI, OLTRE AGLIEFFETTI IRREVERSIBILI DI CONTAMINAZIONE ATMOSFERICA DA DIOSSINE E POLVERI ULTRAFINE CHE E’DIMOSTRATO SIANO RESPONSABILI DI PATOLOGIE CANCEROGENE E MUTAGENE GRAVISSIME.

 

CI ASPETTIAMO INOLTRE CHE TUTTI I COMUNI CHE ANCORA PRODUCONO RIFIUTI NON DIFFERENZIATI PRENDANO ATTO CHE SI E’ CHIUSA PER SEMPRE UNA FASE INSOSTENIBILE E CHE DA OGGI OCCORRE PROGRAMMARE LA VERA RACCOLTA DIFFERENZIATA “PORTA A PORTA” PER NON PRODURRE RIFIUTI

NON RICICLABILI, VISTI I COSTI E GLI OBBLIGHI DI LEGGE PER IL TRATTAMENTO DEI RIFIUTI NON DIFFERENZIATI PRESSO IMPIANTI DI PRE-SELEZIONE, CHE PROVVEDANO A STABILIZZARE L’ORGANICO ED A SMALTIRE GLI SCARTI PRODOTTI IN DISCARICHE AUTORIZZATE DEL LAZIO.

 

RITENIAMO PERTANTO CHE GLI AMMINISTRATORI PRESENTI E PASSATI DEBBANO GIUSTIFICARE ALLA CORTE DEI CONTI E SOPRATTUTTO A VOI CITTADINI I MOTIVI DEL MANCATO AVVIO DELLA RACCOLTA “PORTA A PORTA”, nonostante i finanziamenti giacenti da anni presso la PROVINCIA DI ROMA e la pressante necessità di non continuare a portare in discarica materiali che se differenziati in quanto suscettibili di essere ritirati dal CONAI, genererebbero contributi utili per RIDURRE LA TASSA DOVUTA DAI CITTADINI.

 

Il presidente ed i Circoli ZWL di Anguillara – Bracciano – Colleferro – Guidonia – Grottaferrata – Paliano (FR) - Viterbo, il Comitato Rifiuti Zero Ladispoli, la Rete dei cittadini di Aprilia (LT), il Forum ambientalista Valle del Sacco, l’Ass. Rifiuti Zero Mentana-Monterotondo-Fontenuova.

 

http://www.zerowastelazio.it/1/upload/diffida.pdf

 

 

Link Utili

Legge Rifiuti Zero